Studio affiliato al

Centro di Terapia Strategica

del Prof. Giorgio Nardone

 


 

 

introduzione

 

La terapia breve strategica ha rappresentato una sorta di rivoluzione copernicana nel campo della psicoterapia orientando l'intervento terapeutico verso la effettiva e rapida soluzione delle problematiche presentate dai pazienti, dimostrando che, anche se i problemi e le sofferenze umane possono essere estremamente persistenti, complicate e sofferte, non necessariamente richiedono soluzioni complicate e prolungate nel tempo.


Infatti, i risultati ottenuti con interventi strategici applicati e ben strutturati attuati a migliaia di casi nell'arco di 18 anni presso il CTS di Arezzo (86% dei casi risolti; durata media del trattamento: 7 sedute) dimostrano che è possibile risolvere velocemente ed efficacemente la maggior parte delle patologie psicologiche.

 

La Terapia Breve Strategica, invece, è un intervento breve e focale, orientato verso l'estinzione dei sintomi da una parte, e verso la ristrutturazione della percezione che la persona ha di sé, degli altri e del mondo dall'altra. In altri termini, obiettivo primo di un terapeuta strategico è quello di risolvere rapidamente problemi e disturbi che possono diventare invadenti ed invalidanti non solo per il paziente che ne soffre, ma anche per coloro che gli stanno accanto.

Avvalendosi di una rigorosa metodologia di ricerca empirico-sperimentale, l'approccio strategico alla psicoterapia rappresenta una prospettiva rivoluzionaria rispetto alle forme convenzionali di intervento psicoterapeutico, alla base della quale c'è una teoria complessa ed avanzata. Caratteristica distintiva di questo modello di terapia è la sua capacità di produrre cambiamenti in tempi brevi (generalmente qualche mese) anche nel caso disturbi molto radicati e che persistono da anni.

 

 

 

 

 

 

privacy

& partita IVA